to top

La scultura di Jago: arte viva e controcorrente

Jago. Scultore, musicista, compositore e videomaker. Un ragazzo non meno che eclettico, con un bisogno inesauribile di arte e di esprimersi in questa dimensione.  Possiamo dire, lo fa egregiamente, con risultati eccezionali, e il concretizzarsi della sua speciale visione. Ci soffermeremo, soprattutto sulla sua scultura, un mondo fenomenico vivo a tutti gli effetti, l’impronta che lo caratterizza e ne fa un’artista con una tecnica e una modalità di espressione ben precisa.

jago scultura

Una vita per la scultura

Il nostro ragazzo di  Frosinone, Jago, ovvero Jacopo Cardillo. Nasce in questa città nel 1987, ivi frequenta liceo artistico e accademia di belle arti. Un percorso lineare che apre con decisione la sua vita all’arte. Partecipa nel 2011 alla 54esima edizione Biennale di Venezia, Padiglione Italia. Nello stesso anno ha luogo la  sua prima personale presentata da Vittorio Sgarbi presso il Museo della Valle del Liri a Sora.

jago scultura

Realizza, nel 2012 un busto marmoreo del papa Benedetto XVI, per il quale riceve la Medaglia pontificia. Inutile dire che sono numerosi i premi vinti  da Jago tra il 2013  il 2017, e numerose le partecipazioni  a mostre collettive e personali. Tanti i riconoscimenti e gli eventi in programma, relativi alla sua arte, la scultura, sono in progress per i tempi futuri. Una vita votata ad esprimere una visione attraverso il suo talento, accompagnato da tanta disciplina.

jago scultura

Dentro le opere di Jago

La sua notevole e lodevole abilità nella scultura si traduce in forme che ci riguardano molto da vicino. Forme ironiche, metaforiche, talvolta amare nel loro umorismo o spietato cinismo di denuncia. Sono riflessioni sull’umano, sull’uomo calato nella società odierna, le emozioni variegate della contemporaneità…le sfumature che ogni uomo diluisce in sé stesso, nel suo rapporto fisico e materiale col corpo, la pelle, imprescindibile dall’interiorità.

Sassi di fiume, marmo, ferro, legno. Gesso, silicone, lexan. I materiali divengono strumenti per trasmettere messaggi importanti.

jago scultura

Sbucciare e sfogliare l’uomo, modellarlo, attraverso parti del suo corpo, è il più importante oggetto e scopo di ricerca. Di cui la scultura si fa portavoce. Gli organi interni del corpo umano e quelli del pensiero, tradotti in metafore, che spiegano cosa siamo, dentro e fuori. L’uomo nelle sue infinite potenzialità nei suoi limiti , brutture, sbandierate con arguzia, scolpite nel marmo per sempre. Anfratti, cavità della nostra anima che spiccano sulla pietra. E’ un pensiero creativo, attuale, reale, filosofico, che ci pone di fronte  a noi stessi e il mondo in cui viviamo…il nostro piccolo mondo personale, fatto di vanità illusioni, e quello più immenso del tutto…e di tutti. L’uomo e l’umano sono decisamente la cento di questa visione, e quest’arte.

La tecnica per l’arte viva

Una tecnica particolare per la scultura che ha radici antiche nel mondo dell’arte, ma che Jago ha fatto sua ,  rendendola attuale, e compiendo quello che sembra un prodigio: il marmo, la pietra sono modellati al punto da sembrare morbidi e caldi. E così ci stupisce, ci lascia esterrefatti, ci induce alla riflessione…tocca ogni corda. Ci sentiamo come una delle sue sculture piegate modellate, aperte messe  a nudo. Un continuo lavoro e allenamento sulla percezione e i sensi. Un dialogo con la materia, dalla materia all’uomo, e tutte le sue evoluzioni.

jago scultura

Nei disegni predilige la penna su carta. Bambini di colore, emaciati, uno sguardo sull’altra faccia del mondo, impietoso e nudamente reale. Ritratti di uomini e donne, alcuni evanescenti (la madre, Laura). Corpi nudi, meditativi, pensosi, ognuno al suo  posto nella sua  galleria online.

jago scultura

Così la sua visione non ci abbandona, non ci potrà lasciare indifferenti. Ci porta con sé. E le sue opere con noi. Come una scia dell’uomo fin dal remoto passato. La scultura ha l’enorme potere, di ricondurci e congiungerci con le nostre antiche origini, le origini della civiltà. Il mondo antico da cui veniamo. Ma cosa ne abbiamo imparato? Il classico, intriso di tecnologia moderna, ci insegna cose nuove. Attraverso mani d’artista.

Dal 24 Aprile 2017 al 14 Luglio 2017 si tiene la sua mostra Apparato Circolatorio a Milano, negli spazi della storica Galleria Montrasio Arte a cura di Adelaide Santambrogio e Marco Tonelli.

 

La scultura di Jago: arte viva e controcorrente
5 (100%) 2 votes
Un articolo di Daniela Astorino pubblicato il 7 giugno 2017 e modificato l'ultima volta il 7 giugno 2017
Daniela Astorino

Daniela Astorino

"Stilista, disegnatrice e costumista per il cinema e il teatro. Nel tempo libero adoro dipingere e organizzare eventi a tema. Amo il vintage e il riciclo. Approdata alla redazione di Pure Gold Magazine per sperimentare nuovi linguaggi per l'arte e la moda, in uno spazio nuovo, aperto e creativo".

Commenta

Prima di utilizzare il sito leggi la nostra informativa sulla privacy Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Altro... Arte & Design
pop art bisha design
Pop art italiana: Bisha e le sue opere irriverenti

Moderno e provocatorio, Giuseppe Amato in arte Bisha, fonde nella sua pop art temi di attualità e politica. Artista cosmopolita,...

Chiudi